La bigenerazione del Quattordicesimo Dottore è più che nostalgia?

Riepilogo

Quando Russell T Davies tornò in Doctor Who, alcuni fan temevano che il ritorno di David Tennant sarebbe stato uno stratagemma nostalgico a buon mercato. Sebbene i tre Speciali per il 60° Anniversario abbiano avuto un sacco di fan service nostalgici, la storia è molto più di questo. Il finale del Quattordicesimo Dottore è un momento potente per il personaggio e per Doctor Who come universo narrativo.

L’ultimo speciale del 60° anniversario di Doctor Who, “The Giggle”, pone fine al ritorno nostalgico di David Tennant nei panni del Dottore. Tuttavia, questa puntata evidenzia in particolare come riportare in vita il Dottore preferito di Russell T Davies sia molto più che ricordi e sentimenti affettuosi delle serie passate. Il risultato finale della sua rigenerazione – o in questo caso, della bigenerazione – consiste nell’aiutare il personaggio ad affrontare il suo passato traumatico. Essendo la prima donna a interpretare il Dottore, il turno di Jodie Whittaker nel TARDIS era destinato a essere controverso con i fan, il cui pensiero è bloccato nel passato come il circuito camaleontico della macchina del tempo.

L’approccio che lo showrunner Chris Chibnall ha adottato nei confronti della narrazione è stato deliberatamente diverso da quello precedente. Quando Russell T Davies è tornato come showrunner per la prossima incarnazione, insieme a quel grande budget assistito dalla Disney, i fan si aspettavano pura nostalgia per il 60° anniversario. Tuttavia, il trio di storie si è rivelato estremamente importante al di là del fatto che Davies abbia risolto il suo “errore di Donna Noble”. Al di là dell’introduzione della bigenerazione come concetto nel “Doctorverse”, queste storie sono importanti a livello di personaggio. Il Dottore – una persona costantemente circondata da amici o da una “fam” – ha trovato una vera famiglia. Oltre a ciò, il Quattordicesimo Dottore, forse per la prima volta dopo millenni, si ferma a riflettere sul passato e a guarire.

Il Quindicesimo Dottore spiega cosa deve fare Quattordici

Correlati Ncuti Gatwa rivela il motivo sorprendente per cui si è trovato nei guai sul set di Doctor Who Quindicesimo L’attore del Dottor Ncuti Gatwa ha già dovuto essere rimproverato per qualcosa che aveva fatto sul set di Doctor Who.

Nel TARDIS, il Quattordicesimo Dottore chiede al Quindicesimo Dottore come funzionerebbe con entrambi. Quindici prosegue descrivendo una serie di trame importanti della storia di Doctor Who, sia della serie classica che di quella moderna. Alcuni di questi eventi, come la battaglia su Logopolis o il processo e l’esilio del Dottore, furono eventi immediatamente precedenti una rigenerazione. Altri, come le battaglie con Ragnarok o il (deplorevole) Mavic Chen. C’erano anche cose che non aveva menzionato: le tante morti di Clara, la perdita di Rose, Martha e Donna e tante altre.

Per vedere come questo influisce sul Dottore, basta guardare lo speciale precedente, “Wild Blue Yonder” e la sua menzione di Flux. Dopo aver parlato con Donna-Non-Cosa, Quattordici batte il muro e urla di rabbia. È la rara esplosione di emozione del Dottore, che invece di solito reprime i sentimenti in favore di correre in giro per la programmazione della console TARDIS nella prossima avventura. Il Dottore non si ferma mai, anche quando pensa di farlo. Piuttosto, il Dottore passa semplicemente da una crisi all’altra, perdendo le vittorie ma portando tutte le perdite attraverso i secoli.

Il Tredicesimo Dottore evidenzia anche la solitudine e la disperazione che prova il Dottore. Entrambi i compagni della sua precedente incarnazione, Clara Oswald e Bill Potts, morirono. Anche se è vero che in qualche modo “ingannavano la morte”, non era in un modo in cui potevano stare con lui. Questo è forse il motivo per cui Tredici ha scelto di chiamare il suo gruppo di compagni la sua “fam”. Certo, era la commedia di una persona “vecchia” che usava un nuovo slang, ma il sottotesto è chiaro. Il Dottore desiderava ardentemente una famiglia da quando Susan, Ian e il resto del primo gruppo si separarono.

Perché Donna Noble è la persona di cui il dottore ha bisogno da guarire

Correlati Neil Patrick Harris “Mai sentito parlare di” Doctor Who prima di unirsi allo speciale per il 60° anniversario Russell T Davies rivela come è riuscito a convincere Neil Patrick Harris a interpretare il Giocattolaio di Doctor Who, nonostante la mancanza di familiarità dell’attore con la serie.

Quindici chiarisce che, non importa come funzioni la bigenerazione, è lui il beneficiario del tempo di Quattordici per guarire. Tuttavia, anche il nuovo status quo per Donna Noble è importante. “La fine dei tempi, parte 2” è la prima volta che il Dottore chiama Donna la sua “migliore amica”, ma lei non lo conosce. Non può conoscerlo altrimenti, come Adric e tanti altri compagni, morirà. Restituirle i suoi ricordi, insieme alla sua agenzia, è altrettanto importante. Non solo perché Donna ha guadagnato la sua crescita eroica, ma perché le permette di simpatizzare meglio con la perdita del Dottore.

Presumibilmente, ha ancora il ricordo del tempo trascorso senza i suoi ricordi. Vedere quanto pesano sul Dottore tutte le avventure stravaganti e divertenti rende la cancellazione della sua memoria meno una violazione. Non doveva portare il peso di Pompei o di tutte le altre volte in cui non erano riusciti a salvare tutti. Il Dottore non dimentica mai. Quando Quindici gli ricorda che non possono salvare tutti, Quattordici risponde semplicemente con aria di sfida: “Perché no?” In un certo senso, il Dottore potrebbe aver invidiato Donna perché era alleggerita dai ricordi che non riesce a smettere di portare con sé.

Certo, lasciare andare Quattordici potrebbe essere stato un sentimentalismo o un desiderio da parte di Russell T Davies di riportare in vita il suo Dottore preferito ogni volta. Tuttavia, non è solo nostalgia fine a se stessa a permettere al Dottore di David Tennant di andare sostanzialmente in pensione. Si tratta di rinvigorire il Dottore con la gioia di una vita piccola, tranquilla e piena di persone care dopo migliaia e migliaia di anni. Quindici ricomincia da capo perché Quattordici rimane con Donna e la famiglia e fa il lavoro di guarigione. È un regalo ad un personaggio che soffre così tanto per l’intrattenimento dei fan.

Il trauma del dottore è ciò che guida il personaggio

Correlati Il direttore del casting di Doctor Who risponde al contraccolpo su ‘Woke’ Isaac Newton Il direttore del casting Andy Pryor risponde alle critiche online su Nathaniel Curtis che interpreta Isaac Newton nello speciale dell’anniversario di Doctor Who.

L’idea di un dottore traumatizzato esisteva nei serial classici come sottotesto, ma il revival lo ha reso testo. Il Nono Dottore era sfacciato, un po’ crudele e decisamente in difficoltà dopo quello che era stato costretto a fare durante la Guerra del Tempo. Ciò continuò con la Decima e l’Undicesima incarnazione finché i tre si unirono per salvare Galifrey invece di distruggerlo. Eppure, non appena ciò è accaduto, Undici ha dovuto trascorrere qualcosa come 750 anni a difendere Trenzalore fino alla sua rigenerazione. Rimase nello stesso posto per molto tempo, ma non aveva alcuna parvenza di pace.

Il Dodicesimo Dottore era un uomo devoto, faceva quello che fa il Dottore ma a caro prezzo personale. Ha perso Clara, Bill Potts e, forse la cosa più tragica, Missy, il Maestro riformato. Era ancora molto arrabbiato, anche se la sua rabbia era solitamente diretta ai “cervelli di budino” e ad altri che erano determinati a commettere gli stessi errori a cui aveva cercato di rimediare per secoli. Forse incontrare la sua prima incarnazione in “Twice Upon a Time” gli ha dato un minimo di pace. Questo è forse il motivo per cui Tredici, all’inizio, era tutto sorrisi e gioia per le avventure per lei e la famiglia.

Poi arrivò la rivelazione di Timeless Child, i Division e il loro terribile errore con i Flux. Metà dell’universo è morta e lei si è incolpata. Ovviamente non è stata colpa sua, ma piuttosto dei cattivi che l’hanno creato. Ma affrontare quel trauma è ciò che rende il Dottore quello che è. Gli eroi dotati di grande potere si assumono la responsabilità, grande e piccola, di ciò che non riescono a fare. Quindici, però, sembra libero da questo peso. Sicuramente affronterà qualche trauma altrettanto terribile nel suo futuro, ma in questo momento, i quattordici anni trascorsi con Donna e la famiglia funzionano.

Perché il quattordicesimo dottore ha dovuto indossare il volto di David Tennant

Correlati Millie Gibson di Doctor Who anticipa una diversa intesa tra il quindicesimo Dottore e il nuovo compagno Gibson rivela la dinamica “cricca” tra Ruby Sunday e il Dottore di Ncuti Gatwa nei prossimi episodi di Doctor Who.

Le differenze tra il Nono e il Decimo Dottore erano più sottili della maggior parte. Dieci erano lontani dalla Guerra del Tempo stessa ma non dal trauma che inflisse. Raramente era crudele o codardo, non si arrendeva né cedeva. Tuttavia, era anche un uomo che non offriva seconde possibilità. La sua spietatezza lo avrebbe ucciso sotto il Tamigi se non fosse stato per Donna Noble. Dieci è il Dottore che più di tutti si è portato dietro quel fardello, non concedendosi il lusso della riflessione e, soprattutto, del rimpianto.

Riportare David Tennant è stato adorabile per la nostalgia e il servizio ai fan, ma anche una scelta importante da fare per il Dottore. È stato in grado di salvare la sua migliore amica, cosa che le ha permesso di aiutare a salvare lui, Quindici e gli innumerevoli altri Dottori che appariranno in futuro. Dieci, che hanno perso Rose, River Song, Martha e Donna, sono finalmente riusciti a sistemarsi e a vivere “l’avventura” di una tranquilla vita familiare fatta di risate, amore e talpe protette dal campo di forza.

Al Dottore che non ha dato una seconda possibilità è stata data una seconda possibilità dall’universo. Quindici è il beneficiario di quella scelta. Questo è ciò che rende il Dottore bigenerato che assomiglia a Ncuti Gatwa la persona perfetta per consegnare questo messaggio a Quattordici. Ha già beneficiato della guarigione di cui il suo sé precedente non capiva nemmeno di aver bisogno. È stato un regalo per tutti i dottori della linea. Ne è valsa la pena i loro sacrifici. Il Dottore ha salvato tutto il tempo e lo spazio e il suo compito finale e più grande è capire come salvare se stesso.

Il Dottore ritorna in Doctor Who: The Church on Ruby Road, il 25 dicembre 2023, su BBC e Disney+.

Dottor chi

Le avventure nel tempo e nello spazio dell’avventuriero alieno conosciuto come il Dottore e dei suoi compagni del pianeta Terra.

Data di rilascio 23 novembre 1963

Lancio Jodie Whittaker, Peter Capaldi, Pearl Mackie, Matt Smith, David Tennant, Christopher Eccleston

Genere principale Fantascienza

Valutazione TV-PG

Creatore Sydney Newman, CE Webber e Donald Wilson